martedì, novembre 28, 2006

Gli Americani Scoprono gli Orrori dell'Uscita Video Composita

Noi europei siamo ben coscienti di quanto sia terribile utilizzare un cavo composito per qualsiasi sorgente video. La definizione peggiora, i colori sono falsati, il rosso tende a sfarfallare e altre amenità del genere. Per questo, i più evoluti si sono sempre affidati a un cavo scart RGB, che permette di ovviare a gran parte dei problemi del composito, ottenendo una visione ottimale del proprio film o videogame. In America, invece, gli orrori del composito sembrano diffondersi solo con l'arrivo di Nintendo Wii. Nascono come funghi articoli e post su vari blog che mettono a confronto i risultati ottenuti con un cavo composito e con quello component, dove il secondo garantisce, ovviamente, una resa migliore. Come aver scoperto l'acqua calda.

Se qualcuno avesse qualche dubbio, può verificare su questo link i "prodigi" del component... o meglio, i misfatti del composito. In ogni caso, Nintendo mi ha assicurato che in Italia arriveranno sia i cavi scart RGB (per le TV tradizionali) che component (per LCD, plasma o TV a tubo catodico di un certo livello). Il consiglio spassionato è di gettare il cavo composito e acquistare fin da subito uno dei due cavi sostitutivi. Le console Nintendo, infatti, da sempre riescono a offrire le peggiori performance video utilizzando un cavo composito.

Nessun commento:

Posta un commento