giovedì, luglio 26, 2007

Mercato a Quantità, Mercato a Valore

Solitamente i dati di vendita si misurano in quantità. Per le console è un metro indispensabile in base al quale si calcola il market share, che offre un'immediata visione della base installata dell'hardware in circolazione. In base a questi numeri, si decide se una console ha successo o meno. Dal punto di vista aziendale, però, non è solo la quantità del venduto che determina il successo dell'azienda. La crescita delle aziende, infatti, è misurata in fatturato e per questo esiste anche un'analisi del mercato "a valore", come ci insegnano i vari report di GFK. Il mercato del lusso, per esempio, ha market share a quantità molto basso rispetto alle marche di massa, ma sviluppa fatturati incredibili che portano anche alti profitti (visto che il prezzo di vendita è di gran lunga superiore a quello di produzione).

Dai numeri pubblicati sul sito VGchartz.com abbiamo visto come Wii sia ormai alle calcagna di Xbox 360 e come PlayStation 3 sia rimasta indietro a livello numerico. Gli ultimi dati pubblicati recitano:
  • Xbox 360: 10,19 milioni
  • Wii: 9,57 milioni
  • PlayStation 3: 3,89 milioni
Ho pensato di trasformare questi numeri in fatturato, operazione non proprio semplice a causa della mancanza di uniformità dei prezzi nelle varie aree e della presenza di più tipologie di hardware di cui non si conoscono le percentuali di vendita. Per comodità, i prezzi sono stati convertiti in dollari col cambio Euro/dollaro di 1,3. L'analisi non gode di certo dell'accuratezza che si meriterebbe, ma offre un'idea attendibile, a mio avviso.

Xbox 360
  • Giappone
    • 0,42 milioni di unità
    • Prezzo medio: 350$
  • USA
    • 6,57 milioni di unità (ipotizando 80% di console Premium e 20% di Core)
    • Prezzo medio: 399$ (Premium), 299$ (Core)
  • Altri (considerato come fosse 100% mercato europeo)
    • 3,20 milioni di unità (ipotizzando la totalità di console Premium)
    • Prezzo medio: 518$
Wii
  • Giappone
    • 3,18 milioni di unità
    • Prezzo medio: 213$
  • USA
    • 3,84 milioni di unità
    • Prezzo medio: 249$
  • Altri (considerato come fosse 100% mercato europeo)
    • 2,55 milioni di unità
    • Prezzo medio: 336$
PlayStation 3
  • Giappone
    • 1,03 milioni di unità (ipotizzando la totalità di console 20GB, in quanto il prezzo della 60GB è alquanto aleatorio)
    • Prezzo medio: 430$
  • USA
    • 1,69 milioni di unità (ipotizando 90% di console 60GB e 10% di 20GB, di recente dismessa)
    • Prezzo medio: 599$ (60GB), 499$ (20GB)
  • Altri (considerato come fosse 100% mercato europeo)
    • 1,17 milioni di unità
    • Prezzo medio: $778
Moltiplicando e sommando questi dati si ottengono i seguenti fatturati complessivi:
  • Xbox 360: 4,3 miliardi di dollari
  • Wii: 2,5 miliardi di dollari
  • PlayStation 3: 2,35 miliardi di dollari
Il mercato a valore, come è evidente, offre una visione tutta differente dell'attuale stato delle console e di quanto denaro portino nelle casse delle manifatturiere (dati lordi, naturalmente). Pur vendendo più del doppio della console Sony, il fatturato dovuto a Wii non è poi così distante da PlayStation 3. Allo stesso tempo, sebbene Wii sia alle calcagna di Xbox 360 in termini di volumi, sviluppa un fatturato di quasi 2 miliardi di dollari inferiore. Sottolineo che tali dati non tengono conto della profittabilità dell'una o dell'altra console.

Naturalmente, valgono ben poco questi dati per la cosiddetta Console War, in quanto si tratta di un'analisi utile unicamente ad azionisti e analisti di mercato, i quali vedono le aziende in termini monetari.

3 commenti:

  1. "Sottolineo che tali dati non tengono conto della profittabilità dell'una o dell'altra console."

    Infatti i bilanci di Xbox360 sono in rosso e quelli di Wii volano
    http://kotaku.com/gaming/business/nintendo-no-longer-printing-money-282115.php

    Inoltre per stabilire le corrette percentuali del mercato a valore delle console, devi considerare anche le vendite dei giochi, visto che le console stesse sono sussidiate e che i profitti arrivano dalla vendita dei giochi.

    Praticamente quello che le cifre che hai estrapolato dimostrano è solo che Microsoft smuove il doppio del denaro di Nintendo e Sony con il risultato di perdere più soldi.

    Sony smuove tanto denaro quanto Nintendo ma ha più bassi margini di profitto e Nintendo ottiene il massimo risultato col minimo sforzo.

    RispondiElimina
  2. "Sony smuove tanto denaro quanto Nintendo ma ha più bassi margini di profitto e Nintendo ottiene il massimo risultato col minimo sforzo."

    Sony con PlayStation 3 non fa profitto.

    RispondiElimina
  3. Mai detto il contrario.
    Ho detto che quanto a profitto sta sotto Nintendo (che è l'unica in attivo).

    Comunque in una qualunque facoltà di Economia e Commercio insegnano che la strategia di Microsoft è folle.
    Non è pagante muovere 100 per ottenere 10, ma lo è cento volte di più muovere 10 per ottenere 1.
    Semplicemente perché il rischio è più basso.

    RispondiElimina