lunedì, maggio 31, 2010

Recensione/ Split/Second

Gareggiare armati di tutto punto non è più una novità, ma cosa accadrebbe se le armi fossero intere parti del circuito di gara? Va ora in onda una nuova puntata di Split/Second, allacciate le cinture!

Split/Second
Sviluppatore: Black Rock Studio
Editore: Disney Interactive
Distributore: Halifax
Genere: Corse/Arcade
Piattaforma: Xbox 360 (disponibile per PC, PlayStation 3)
Titoli correlati: Pure (PC, PlayStation 3, Xbox 360); Blur (PC, PlayStation 3, Xbox 360); Sega Rally Revo (PC, PlayStation 3, Xbox 360); Ridge Racer 7 (PlayStation 3)

Disaster game

Non ci sono missili teleguidati in Split/Second, ma ci sono palazzi che crollano, auto che esplodono, aerei che si schiantano sul terreno e pure elicotteri che bombardano i piloti sottostanti. Tutto premendo semplicemente un tasto dopo aver riempito la barra del Power Play con derapate, salti e stando in scia. Il cuircuito diviene imprevedibile e si modifica in seguito agli eventi comandati dal giocatore e dagli avversari. Nuove ostacoli infiammano la via, nuove scorciatoie trasformano radicalmente il tracciato per un'esperienza di guida distruttiva e adrenalinica come non mai.


Non sempre la vittoria va al miglior pilota, in quanto l'elemento chiave del gioco consiste nell'attivare i Power Play nel momento giusto per mettere fuori gioco il maggior numero di avversari. E' anche indispensabile memorizzare i punti critici e gli elementi pericolosi sul circuito per evitare che gli avversari possano ripagarci con la stessa moneta, vista la combattività dell'intelligenza artificiale. Proprio il percorso - veloce, splendidamente realizzato e ricco di effetti speciali - è il vero protagonista di Splt/Second ed è un peccato che ve ne siano così pochi a corteggiare la curiosità del giocatore. L'imprevedibilità dei Power Play rende ciascuna partita differente dalla precedente, ma è inevitabile che dopo decine di corse sugli stessi circuiti anche il miglior spettacolo pirotecnico risulti ripetitivo.


Nulla di estremamente grave, visto che ciascuna esplosione, sebbene sia la centesima nel medesimo posto, porta con sè effetti sulla fisica sempre diversi, a seconda della propria posizione e dell'auto controllata. Oltre agli attributi di manovrabilità, accelerazione e velocità, i veicoli hanno anche diversa resistenza all'onda d'urto, che ne modifica sensibilmente le reazioni ai Power Play. I bolidi più veloci sono solitamente più soggetti a perdere il controllo o a saltare per aria anche se colpiti di striscio, mentre quelli corazzati possono subire due o più onde d'urto consecutive a discapito di un po' di velocità di punta. Fuoco, fiamme e polvere costituiscono un altro effetto da tenere d'occhio in corrispondenza di un Power Play e il fatto di avere la visuale offuscata per una sola frazione di secondo rende le gare ancora più appassionanti.


La vena distruttiva di Split/Second è contestualizzata all'interno di 12 puntate di un nuovo reality show al cardiopalma costruito in vari eventi. Oltre alla gara contro sette agguerriti avversari, trovano spazio le sessioni Detonatore, ovvero i canonici time attack in cui i Power Play vengono attivati automaticamente, Eliminazione, in cui l'ultimo della fila al checkpoint viene eliminato, ma anche alternative come l'Attacco Aereo e Sopravvivenza - corse a ostacoli dove bisogna evitare i missili di un elicottero nella prima (la più frustrante) e dei barili esplosivi lasciati da un camion nella seconda. Eventi giocabili anche in rete, dove cimentarsi in partite classificate con attribuzione di livelli oppure in sessioni personalizzate.


Le particolarità di Split/Second accentuano lo spirito arcade del titolo Black Rock, che è costruito su un modello di guida immediato e appagante, fatto di derapate e curve a gomito a tutta velocità. Come uno programma televisivo, è tutto finto - auto dal design improbabile eppur familiare, circuiti surreali, incidenti a rotta di collo ed esplosioni alla ricerca dell'audience facile, accompagnati da una colonna sonora non su licenza - tranne il divertimento. Quello è autentico.

Raffaele Cinquegrana

Aspetti Positivi: idea intrigante; adrenalinico; corse imprevedibili; molteplici eventi; realizzazione tecnica d'impatto
Replay Value: ottimo. Modalità online complete
Aspetti Negativi: basso numero di circuiti; i Power Play a lungo divengono ripetitivi
In Sintesi: Split/Second è veloce, imprevedibile e adrenalinico proprio come dovrebbe essere un titolo di guida esemplare. In più, garantisce tanti momenti mozzafiato grazie alla sua vena distruttiva

Nessun commento:

Posta un commento