mercoledì, febbraio 02, 2011

Recensione/ Nail'd

Come proiettili di carne e ossa su quad e motociclette, Techland ci spara fra i percorsi sterrati alla conquista del podio. Velocità è la parola d'ordine, costi quel che costi.

Nail'd
Sviluppatore: Techland
Editore: Deep Silver
Distributore: Koch Media
Genere: Corse
Piattaforma: Xbox 360 (disponibile per PC e PlayStation 3)
Titoli correlati: Motorstorm (PlayStation 3); Pure (PlayStation 3, Xbox 360); Fuel (PC, PlayStation 3, Xbox 360); Exite Truck (Wii)

Veloce e furioso

Titolo di corse pazze sullo sterrato, Nail'd è costruito interamente sulla velocità e sui riflessi. Sugli spalti delle tribune a bordo pista troneggiano gli stendardi che recitano "Adrenaline" e appena scattato il via ci si accorge immediatamente il perchè. Con un'accelerazione che ha dell'impossibile, le moto MX o gli ATV in gioco schizzano letteralmente in un secondo alla velocità massima dando un significato più che ovvio alle scritte sugli spalti: Nail'd è velocissimo e pompa adrenalina nelle vene del giocatore come stesse vivendo a doppia velocità. E c'è pure il turbo - da caricare atterrando con la giusta angolazione oppure attraversando gli appositi segnali - a spingere ancora di più sull'acceleratore. I riflessi contano molto più della tecnica, tant'è che il freno diviene un accessorio quasi inutile e che le derapate si pennellano senza il minimo sforzo.


Paradigmatico dell'esperienza arcade allo stato puro, il titolo di Techland non si perde in troppi fronzoli ma non tralascia nemmeno i dettagli. L'immediatezza con cui si prende fiducia nel sistema di controllo è eccellente, l'intelligenza artificiale è agguerrita fin dalla seconda stagione e l'azione non abbassa il livello di tensione nemmeno quando ci si schianta contro un albero. Il proprio veicolo viene rimesso in pista al più presto perchè gareggiare è la cosa più importante. L'impossibilità di andare per funghi nei sontuosi scenari montani è adeguatamente compensata dall'immensità delle piste, alcune delle quali raggiungono tempi di percorrenza di 5 minuti. Varie, ben disegnate e con i propri tocchi distintivi, sono caratterizzate da numerose scorciatoie da scoprire e salti che sembrano trasformare Nail'd in un simulatore di volo, visto che in aria è anche possibile orientare il proprio mezzo a piacimento.


E se trovassimo tempo in tutto questo per lamentarci della fisica approssimativa, non avremmo compreso nulla del divertimento che può regalare Nail'd. Perchè non capita tutti i giorni di sorvolare in moto un canion, vagoni di treni, o una splendida vallata e atterrare indenni, magari conquistando un bonus di turbo perchè entrambe le ruote hanno toccato terra nello stesso momento. Si trattiene il respiro per un attimo, la musica di sottofondo fatta di chitarre casinare si affievolisce (magari succedesse più spesso) per lasciare spazio a un timido cinguettio, e poi diritti di nuovo in pista alla massima velocità. A differenza della maggior parte dei titoli su sterrato in circolazione, Nail'd affronta il genere nella maniera più diretta possibile, con l'unico obiettivo di arrivare far mangiare la polvere agli avversari in gare dove di tanto in tanto viene aggiunto un po' di pepe, come il turbo infinito oppure l'assenza delle collisioni con gli avversari.


Conquistando il podio si ha accesso a parti aggiuntive per il proprio veicolo, in modo da adeguarlo al meglio allo stile di guida in termini di accelerazione, turbo, manovrabilità in aria e via discorrendo. Oltre la cinquantina di eventi della modalità single player ditribuiti su 14 tracciati, Nail'd offre anche un nutrito comparto online dove gareggiare fra 12 scalmanati senza curarsi di alcuna regola. Pur potendo affrontare gli eventi con la categoria preferita, non abbiamo riscontrato differenze sostanziali fra ATV e MX, anche se la seconda sembra avere un po' di vantaggio per sgattaiolare più agilmente fra gli ostacoli.


E non è cosa da poco, visto che la velocità estrema non è sempre virtuosa. Complice un frame rate non sempre all'altezza, la ricca vegetazione e un effetto blur a nostro avviso un po' troppo accentuato, capita piuttosto spesso di trovarsi in balia della confusione e di schiantarsi poichè semplicemente non si è in grado di capire dove porta la strada. Strano a dirsi, Nail'd a volte è fin troppo veloce e frenetico. Indice di un bilanciamento non proprio ottimale nella giocabilità che inevitabilmente fa insorgere punte di frustrazione nelle gare più impegnative, dove il sistema di collisioni mostra diversi limiti. Nail'd non rivoluziona il genere, ma si focalizza su un elemento e lo rende protagonista assoluto di tutta l'esperienza di gioco. Se "andare al massimo" è il vostro spirito di vita, Nail'd soddisferà le vostre aspettative.


Raffaele Cinquegrana

Aspetti Positivi: velocissimo; adrenalinico fin dal principio; arcade allo stato puro; MX e ATV personalizzabili
Replay Value: buono. Modalità online frenetiche
Aspetti Negativi: spesso confusionario; problemi di fluidità; qualche problema di collisione
In Sintesi: Nail'd stupisce e diverte con la sua velocità straordinaria, ma al tempo stesso lascia perplessi per la confusione che questa crea

Nessun commento:

Posta un commento